L’inverno, il freddo e la sovralimentazione emozionale

January 20, 2014 Comments Off
L’inverno, il freddo e la sovralimentazione emozionale

Il freddo ci spinge al cibo …  

Durante la stagione invernale, molte persone tendono a mostrare una tendenza più marcata a mangiare e ad avere un numero di episodi bulimici. Sovralimentazione emotiva non è una bugia, ma è ormai nella nostra vita e ci incontriamo sempre più nel nostro ambiente amichevole.

Questo è il caso che la persona sta girando al cibo, non per soddisfare la sua fame, ma per riempire il suo vuoto emotivo. In pratica ciò significa che il cibo è per loro una sorta di compenso, una sorta di sostituto o un sollievo dai problemi emotivi, l’ansia e lo stress affrontato dalla persona nella vita quotidiana.

L’inverno, con le basse temperature e più ore a casa, il fenomeno tende a intensificare queste condizioni e illustra il problema in un modo più ampio.

Come comprenderò che soffro dalla sovralimentazione emozionale?   

Se la risposta alle domande seguente (o alla maggior parte) è affermativa, sarebbe una buona idea di prendere il consiglio di uno specialista

Domanda 1: Mangi di più quando sei sotto lo stress, o attraverso una fase della tua vita, o del tuo lavoro, molto stressante?

Domanda 2 : Quando mangi ti senti più sicuro?

Domanda 3: Senti che quando mangi, ti ricompensa per qualcosa?

Domanda 4: Ti mangi anche quando sei pieno o quando non ti senti fame?

Domanda 5: Ti mangi per calmare sentimenti come il dolore, la perdita, la noia, lo stress, rabbia, insicurezza, confusione, nervosismo, ecc?

Domanda 6: Ti mangi troppo rapidamente, in un modo boulimico e non mastichi il cibo bene?

Domanda 7: Senti che non puoi controllare te stesso, quanto riguarda il cibo?

In che cosa è diversa la fame dalla sovralimentazione emotiva?   

Molti si chiedono se si sentono davvero fame o è lo stress e altri fattori emotivi che li portano al frigorifero e al consumo di tante calorie inutili per tutta la giornata. E se è davvero il sovralimentazione emotiva ha fatto la sua comparsa, come ci riconosciamo e ci differenziamo dalla fame reale?

Ci sono alcuni segni che potrebbero indicare a noi, se la sensazione che abbiamo è dovuto a una necessità reale dell’organismo, per ricevere un po’ di cibo, o se è semplicemente il carico emotivo e anche il vuoto, che creano l’illusione della fame.

I segni che rivelano se ci sentiamo veramente una necessità organica reale di cibo e se questo é una copertura emotiva necessaria, sono i seguenti:

  • La fame arriva gradualmente a differenza della Sovralimentazione emotiva che si manifesta improvvisamente e intensamente. Durante l’Sovralimentazione emozionale, la persona si sente incapace di resistere al cibo e impotente, se non soddisfa questa esigenza.
  • Con la sensazione di fame, quando la persona mangia sente una pienezza. Ma con la sovralimentazione emozionale della persona, anche dopo la fine del pasto non sente alcuna soddisfazione.
  • Nella sovralimentazione emotiva il pasto non ha alcuna logica. La persona può mangiare continuamente e con golosità, cibo dolce o salato a turno.
  • Durante la sovralimentazione emotiva i carboidrati e i dolci hanno il posto No.1. Questi sono oggetti più potenti di passione!
  •  Al termine di un pasto, una persona dovrebbe sentirsi pieno. Al contrario con la sovralimentazione emozionale, la persona sente colpe forti remore, sconforto, dolore, o anche una vergogna.
  • La persona sente la fame nello stomaco, mentre la sovralimentazione emotiva viene come un’idea ossessiva nel cervello.

Comments are closed.