Ho fame: È colpa dello stomaco o della mente?

April 15, 2013 Comments Off
Ho fame: È colpa dello stomaco o della mente?
Ho fame: È colpa dello stomaco o della mente?


Ogni volta che ci sentiamo fame, è ragionevole pensare che il nostro stomaco è responsabile di questa situazione, protestando per un certo alimento. Questo non è del tutto vero.

Le persone che studiano le reazioni umane e le esigenze della nutrizione ha bisogno del corpo, essi affermano che il messaggio della fame non è trasmesso dallo stomaco, come erroneamente credono, ma dal cervello. Essi indicano anche che si possa regolare i livelli di fame attraverso un sistema complesso di sostanze chimiche e processi che avvengono nell’organismo e inviano il messaggio di fame al cervello e quindi a tutto il corpo.

 Cosa succede

Le cellule situate nell’ipotalamo, una delle principali ghiandole, che controllano il nostro sistema endocrino e ormonale, sono in comunicazione con le cellule situate in altre parti del cervello, portando informazioni e coordinando la secrezione e gli assorbitori di varie sostanze chimiche responsabile della regolazione della qualità della frequenza e della quantità dei pasti.

Cibi diversi sono registrati dal cervello e rendono il desiderio di cibo, in pratica, che ci porta a consumo. L’aspetto, l’odore e l’esterno di un cibo rimangono in memoria e stimolano il cervello e provocano la secrezione di queste sostanze chimiche che poi ci condurrà al consumo di questo alimento.

 Gli alimenti e il loro processo

Ogni cibo che mangiamo è ripartito dall’organismo per essere possibile utilizzarlo. Così l’organismo rompendo i carboidrati, riceve glucosio, rompendo le proteine​​, aminoacidi vengono accolte, mentre rompendo i grassi riceve acidi grassi. In questo modo l’organismo riesce a regolare i livelli di ormoni, come l’insulina, per esempio, che influenza poi i messaggi inviati dal cervello, ai livelli di appetito.

Il messaggio, che il corpo ha bisogno di cibo, è fatto con neurotrasmettitori e specificamente con uno, chiamato neuropeptide, e lo trasferisce a tutto il corpo.

Come si può controllare il processo

Secondo gli studi di ricercatori, ci sono due sostanze specifiche che hanno la capacità di comunicare con il neurotrasmettitore particolare (neuropeptide) e che può farci molto utile.

Queste sostanze sono due ormoni, leptina e grelina..

Grelina:

I bassi livelli di glucosio e di glicogeno nel sangue, influenzano l’attività non solo dell’ormone grelina, ma anche del neuropeptide, nell’ipotalamo del cervello.

Quando il neuropeptide è stimolato, aumenta automaticamente il desiderio dell’individuo di mangiare dolci e cibi amidacei. Analogamente, quando i livelli del’ormone  grelina aumentano, aumenta il desiderio dell’individuo per il consumo di cibo.

Leptina

I livelli dell’ormone leptina aumentano dopo aver mangiato e inibiscono l’attivazione di neuropeptide, dando alla persona una sensazione di soddisfazione e pienezza.

Conoscendo il modo in cui il nostro corpo lavora ed elabora il cibo, si può indirettamente controllare i livelli di appetito, controllando questi due ormoni che hanno un ruolo importante.

Con una corretta alimentazione e la corretta distribuzione dei vari alimenti durante il giorno, si può mantenere il senso di sazietà più a lungo ed evitare il snacking intermedia costante che aumenta il nostro peso corporeo e rovina la nostra silhouette.

 Inoltre, Meratol può essere l’alleato perfetto, per ridurre l’appetito. La tripla azione di Meratol ti aiuta a vedere immediatamente i risultati desiderati. E’ semplicemente il miglior liposolubile in circolazione. 

 Ordina il Meratol qui

 

Comments are closed.